Il Comune di Sessa Aurunca sta cercando di riparare alle falle di bilancio attraverso una decisa azione di tassazione dei confronti della cittadinanza soprattutto dopo le richieste da parte dell’Ambito e dello IACP, errori amministrativi e politici che hanno indebitato fortemente l’Ente.
In queste settimane sono giunte nelle case dei residenti del Comune di Sessa Aurunca, una valanga di richieste sia della famigerata Imposta Municipale Propria sui terreni edificabili, con somme da capogiro e sia richieste di IMU pregresso (soprattutto 2012) di accertamenti vari.
Le famose bollette pazze sugli accertamenti prescritti o meno continuano a perseguitare i cittadini costretti alla corsa presso l’Ufficio Tributi presso il Comune,
( numeri limitati) con tanto di tensioni e ultimamente anche alcuni scontri fisici.
Il problema riguarda sia i chiarimenti relativi all’Imposta Municipale Propria, accertamenti spesso non attinenti alla reale situazione, sia ad IMU 2012 e sia a bollette d’acqua o TARI già pagate.
Ecco, dunque, concentrarsi una folla nervosa e preoccupata di utenti che affollano gli uffici nei due giorni di apertura al pubblico. A Farne le spese i dipendenti comunali costretti sul fronte, con impegno e dedizione.
Si pensava che le famose Bollette Pazze fossero state debellate, ma nel 2018 si sono presentate più aggressive che mai.
GA