Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Dr. Buono relativamente al presunto caso di malasanità denunciato qualche giorno fa sul nostro portale.

“È Semplice parlare di malasanità per ogni episodio che avviene negli ospedali pubblici ma conviene sempre analizzare gli eventi in modo positivo e acritico.

“Generazione Aurunca” ha riportato un episodio attingendo da una sola fonte evidentemente sbagliata. Il giornalismo deve descrivere gli eventi riportati da terzi,sul presupposto che ne abbia verificato l’attendibilita’ delle fonti e non limitarsi a buttare fango in modo gratuito su professionisti che ogni giorno si misurano con carenze di organico  strutturali, non dovute a loro mancanze.  

ANDIAMO ai fatti: un paziente, che nella mattinata si era recato presso uno studio privato  a pagamento ha praticato una seduta di ozonoterapia, ( preciso che lo stesso si è recato a Napoli effettuando ben 140 KM con la propria auto).  Accusando ancora lombalgia, chiama il 118 anche se deve percorrere solo pochissimi KM per recarsi al pronto soccorso de P.O. di Sessa Aurunca.

In P.S. viene accompagnato a consulenza ortopedica. Lo specialista di turno spiega che la patologia risulta codice bianco in quanto priva di trauma e  necessita del relativo pagamento per poter ricevere assistenza. Inoltre l’ambulatorio ortopedico non è fornito di farmaci in quanto la terapia medica è di pertinenza del P.S.  Il paziente inveisce contro lo specialista ritenendo di non dover pagare niente e che era venuto solo perchè voleva eseguire una risonanza Magnetica. QUESTO è l’evento ma,  non vedo quale sia l’episodio di malasanità anzi tengo a precisare che il servizio “taxi”118, generosamente, non gli è stato neanche addebitato ma ha pagato l’ASL CE.”