Una intensa trattativa ha partorito un accordo, tra le correnti del centrosinistra,  per presentare la lista al Consorzio Idrico Terra di Lavoro. L’intesa riconfermerebbe  Pasquale Di Biasio alla presidenza, su indicazione  dei consiglieri regionali Gennaro Oliviero e Luigi Bosco.
Ben poco interessano le dinamiche politiche interne a questo gioco di potere tutto interno al PD ed affini, ma ciò che emerge agli occhi dei cittadini sono le lacune ed i problemi che il Consorzio Idrico ha determinato per la qualità dei servizi e per l’efficienza dell’intera filiera idrica.
Il nostro concittadino  On. Gennaro Oliviero ha riconfermato un presidente che gestisce l’Ente da ben 15 anni e con gli effetti negativi per la qualità dei servizi come più volte evidenziato, ancor più se intenso nell’ottica di un Territorio, che soffre numerosi disservizi di acquedotto e di gestione da anni,  senza che le amministrazioni che fanno capo al PD abbiano programmato soluzioni.
La riconferma di De Biasio è l’esempio di una politica che pone davanti all’interesse dei cittadini, il mero gioco di potere interno alla politica stessa e di cui Oliviero ne è un maestro.
Non è bastata la sconfitta delle politiche a far modificare stile a questo PD, di cui l’Amministrazione Comunale di Sessa Aurunca ne è plateale specchio.
GA