Il Consiglio Regionale della Campania, ha approvato all’unanimità, con 37 voti favorevoli, nella seduta del 10 dicembre 2014,  la “Normativa per la disciplina della pesca marittima e dell’acquicoltura” che disciplina le attività della pesca marittima e quelle ad essa connesse: il pescaturismo, l’ittiturismo, la pesca sportiva, le attività legate all’allevamento. Tra i contenuti della legge, il Programma triennale regionale della pesca e dell’acquicoltura di competenza della Regione, che punta sul concetto di qualità globale e della salubrità delle condizioni di lavoro nonché della formazione. Sono, inoltre, previsti strumenti di consultazione degli Enti locali e degli attori economici interessati, tra cui la Consulta regionale del mare, la Commissione consultiva locale della pesca, i Distretti di pesca e i Consorzi di gestione della piccola pesca artigianale.

Il testo approvato verrà inviato dal Presidente del Consiglio Regionale al Presidente della Giunta Regionale ai fini della promulgazione e pubblicazione sul B.U.R.C.; entro sessanta giorni dalla pubblicazione, il Governo avrà facoltà di ricorrere alla Corte Costituzionale qualora ritenga che la legge approvata dalla regione ecceda le competenze della regione.

“È un passo avanti importante atteso da tutti gli operatori del settore – spiega Fulvio Giugliano, presidente del Consorzio Gestione Pescato Campano – In questo modo si fa chiarezza in un settore che è sempre stato importante per la nostra regione ma non sempre valorizzato. La nuova Legge regionale è un’occasione per rendere protagonisti gli operatori del settore. Fino ad oggi i pescatori hanno sempre avuto un ruolo marginale ora però il loro ruolo è determinante nelle future scelte che riguarderanno le aree portuali e i modi della pesca. Tutto questo nel pieno rispetto delle leggi che salvaguardano la sostenibilità e la qualità del nostro pescato”.

NORMATIVA PESCCA VIII COMMISSIONE

CLICCA QUI PER LEGGERE LA NORMATIVA N.22 DEL 2014 SULLA PESCA MARITTIMA

pesc

consoca no