Riceviamo la nota dello stimato ing. Arturo Matano sullo stato dei lavori della Commissione Nucleare Comunale, di cui egli stesso fa parte. Critico nei confronti dell’assenza di suddetta commissione al tavolo indetto qualche giorno fa, dice: “Tutto ciò è avvenuto senza che la Commissione, come organo di vigilanza del comune di Sessa Aurunca, sede della centrale, ne fosse venuta minimamente al corrente. O meglio alcuni dei suoi rappresentanti erano si presenti al meeting ma rappresentavano solo se stessi o le loro organizzazioni, nessuno ha parlato, a quanto ne so io, a nome della commissione stessa. Io in particolare dell’incontro non sono stato informato da nessuno e, come tecnico del settore, per me è stato un appuntamento perso.”

Eppure -continua- la Commissione è stata istituita proprio per questo, per occuparsi delle vicende della centrale stessa. Spero che si sia trattato solo di una dimenticanza, però c’è da sottolineare anche che l’accaduto denota quanto conti la commissione stessa per l’amministrazione locale.

Conclude auspicando un’inversione di rotta da parte di istituzioni e componenti stessi: “Con questa nota spero invece che si possa cambiare questa tendenza, superficiale e riduttiva, sull’argomento dello smantellamento della centrale di Garigliano. Anche perchè questo è un argomento molto sentito dall’opinione pubblica locale, specialmente per chi ha vissuto e vive ancora, con apprensione e preoccupazione, attorno all’impianto nucleare. Queste persone hanno diritto di sapere la verità”

Per visualizzare il testo integrale della nota clicca qui —->Nota