Intorno all’una e mezza circa il cuore di Gennaro ha smesso di battere. Le sue condizioni erano apparse subito critiche e i medici del Nosocomio di Piedimonte avevao lasciato poco spazio alla speranza.

Durante la serata, tutto è stato tentato, ma la gravità delle lesioni, soprattutto, al capo non lasciavano ben presagire.

L’atto criminale dell’autore del gesto, che nella serata si è costituito, nonostante che le sue generalità restano sconosciute,  ha spento un imprenditore vitale e stimato, sempre al fianco della legalità e che aveva numerosi amici in tutto il Territorio Aurunco e non solo.

Tutto la Comunità Aurunca, gli amici, i conoscenti e Generazione Aurunca si stringono attorno alla famiglia in un abbraccio pieno di affetto e di solidarietà.

GA

167286_1510820291447_4084506_n1394785_10202539034547151_2054230536_n282714_208489835870144_2405983_n