Taddeo legge per il Libriamoci 2020!
Successo strepitoso per il Libriamoci 2020, progetto di “Lettura ad Alta voce” (dal 16 al 21 novembre 2020, alla settima edizione), promosso dal Centro per il libro e la lettura (CEPELL),dal Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT) e dalla Direzione generale per lo Studente (MIUR).
Il progetto “Libriamoci “vola oltre le distanze con gli alunni del Taddeo da Sessa e la DaD non ne ha certo impedito la realizzazione .Viva la partecipazione da parte de discenti che, il diciassette novembre scorso, hanno preso parte alla maratona di lettura ad alta voce, prevista per il progetto Libriamoci a scuola, in modalità a distanza, organizzata dalla prof.ssa Enrichetta De Sanctis,referente e curatrice del progetto .
Pullulante di discenti la schermata dell’aula virtuale Biblioteca, che ha visto come ospite d’eccezione la scrittrice Liliana D’Angelo, con il suo bellissimo romanzo: ”Come un puzzle “di cui gli alunni delle classi
classi: 5 A MAT-5A AGR-5BINF e 4 B SUE, con un gruppo di alunne della 5 CL ed un folto gruppo di alunni della 4 B INF, hanno letto ,con molto accoramento, alcuni capitoli scelti per l’occasione.Il testo è stato inserito
nel filone “contagiati dalle storie”: la storia è quella di una teen -ager tutto pepe che si improvvisa detective per andare alla scoperta di un oscuro segreto di famiglia, riuscendo a ricomporre, come in un mosaico tutte le tessere del puzzle, insegnandoci che,spesso,conoscere la verità sul passato, come scrive l’autrice nella prefazione, ci aiuta a vivere meglio il presente e il futuro..”Adoravo passare le vacanze dai nonni. Quei giorni diventavano magici”.Gli alunni hanno anche posto delle domande alla scrittrice che ha sciolto
tutte le loro curiosità rispondendo, in maniera approfondita ed appassionata, a tutte le domande che le sono state poste dai discenti.
“LettoriLiberamente” è il titolo del progetto,mentre, l’immagine della grandiosa Biblioteca di Praga-Klementinum”, tesoro raro e poco conosciuto, tra le più belle e maestose al mondo,é la locandina simbolo
dell’istituto per l’anno scolastico in corso.Sì perché come diceva- Umberto Eco:“Una biblioteca non si limita a raccogliere i tuoi libri, li legge anche per conto tuo”.
La prof.ssa Enrichetta De Sanctis ha provveduto a selezionare i testi,da proporre agli alunni,in base ai filoni tematici indicati dal Miur:”contagiati dalle storie”;“contagiati dalla gentilezza”;”contagiati dalle idee”. Tema istituzionale del Miur :”Positivi alla lettura”,per sottolineare l’importanza dei grandi benefici che derivano dalla lettura e per recuperare l’accezione positiva di questo termine, nonostante la situazione di pandemia che stiamo vivendo.
Il progetto tende a sottolineare la peculiarità della lettura, quel vedere mentale dell’immaginare, dell’astrarre.
Le letture previste sono tratte dalle opere selezionate dalla docente referente, in linea con i filoni tematici proposti dal MIUR.

Per il filone” contagiati dalle storie “, sono stati proposti i seguenti testi: ”Margherita
Dolcevita”di Stefano Benni,in quanto la protagonista trasmette l’importanza della combattività e dell’immaginazione,utili alleate per affrontare un mondo, troppo concentrato sul consumismo e poco sui sani
valori della vita.”Casa di foglie”di Mark Z.Danielewski, invece, consente ai discenti di fare i conti con un libro ergodico,che richiede al lettore lo sforzo di non limitarsi a sfogliare le pagine, ma di interagire realmente con il contenuto. ”A riveder le stelle “ di Aldo Cazzullo, uno scrittore molto amato dagli alunni per la spontaneità con la
quale racconta le emozioni della giovane generazione, del quale abbiamo avuto già modo di apprezzare i precedenti romanzi,(”Metti via quel cellulare” e “Giuro che non avrò più fame”),consente ai discenti di
intraprendere un nuova lettura su Dante Alighieri,”il poeta che inventò l’Italia”,per recuperare il senso di identità e di nazione, ma allo stesso tempo,come dice lo scrittore, esalta la nostra capacità di resistere, e
rinascere dopo le sventure, le guerre;sino a« riveder le stelle».“Trio“di Dacia Maraini è un romanzo che, attraverso i colori e gli odori della Sicilia, ci presenta un passato mai così vicino parlando ad ognuno di noi,
facendoci riflettere su cosa può salvarci quando fuori tutto crolla.
Per il filone “contagiati dalla gentilezza” gli alunni hanno letto e ne continueranno la lettura durante l’anno scolastico, “Siate ribelli, praticate gentilezza” di Saverio Tommasi, si appresteranno a comprendere il modo di misurare il successo e l’importanza di guardare al di fuori del sé ,cambiando completamente la loro
prospettiva. Il potere della gentilezza rappresenta un’arma contro l’ostilità, la discriminazione, l’esclusione. Chi
è gentile mette in campo una serie di comportamenti nei confronti degli altri, che hanno alla base dei sentimenti
importanti, come l’empatia, l’altruismo, fondamentali per stabilire sereni rapporti relazionali. Con “ Le parole sono finestre” (oppure muri), Bertram Rosenberg Marshall, gli alunni saranno spinti alla riflessione sulla qualità della comunicazione con se stessi e con gli altri, che oggi è una delle competenze più preziose. Il
romanzo è un invito a modificare gli schemi di pensiero che portano alla collera e alla depressione ed a comunicare utilizzando il potere curativo dell’empatia. Per il filone” contagiati dalle idee”, i discenti leggeranno
“La rivolta della natura”, di Eliana Liotta. In questo libro emerge con forza la riflessione sulla natura che ci chiede di essere ascoltata. Nel progetto di lettura, che continuerà nel corso dell’anno, gli alunni affronteranno anche temi importanti che emergono dal rapporto sulle Agromafie e dall’agenda 2030, un’occasione in più periflettere sulla necessità per l’alunno di oggi, cittadino del domani, di diventare” consapevole” dei suoi diritti e doveri senza sfruttare e farsi sfruttare, proteso alla ricerca del bene e della giustizia come di una conquista quotidiana.
Gli alunni hanno avuto modo di conoscere, tramite powerpoint, anche alcuni obiettivi dell’agenda 2030.
La prof.ssa E. De Sanctis ha presentato l’evento lancio del MIUR,per il Libriamoci 2020,che ha preso il via ufficialmente, il 16 novembre, con la lettura, da parte della scrittrice Licia Troisi, di alcuni brani tratti
dalla trilogia di romanzi fantasy, “La saga del dominio”- Le lame di Myra, testimonial d’eccezione su YouTube ,per il Centro del libro e la lettura ,e si è conclusa con l’intervento dello scrittore Massimo
Roscia, con letture in difesa dell’uso dei congiuntivi. Veste insolita anche per un Libriamoci che, nonostante il Covid-19, ha dedicato ampio spazio alla lettura ,in modo da far scoprire agli alunni la bellezza che risiede in essa. Leggere consola, specialmente durante i momenti di difficoltà, fa bene e migliora le competenze linguistiche, aumenta la conoscenza del sé e degli altri . La pagina sollecita la mente ad immaginare….
La prof.ssa Enrichetta De Sanctis ha presentato il progetto in PowerPoint, partendo dall’omaggio allo scrittore Luis Sepulveda, anche lui tra le vittime del Covid-19, con il libro “ Il potere dei sogni”che ci ha
lasciato in eredità:”tutto, sembra dirci lo scrittore, tanto la necessità di raccontare quanto il desiderio di combattere, trova ragione semplicemente nella capacità di sognare ancora, di non rinunciare ai nostri
sogni.”Sogno, non mi importa se una certa visione del lucro come guadagno stigmatizza i sogni , credo che non ci sia sogno più bello che quello di un mondo unito dalla fratellanza e dalla solidarietà , dalla giustizia sociale”.
Un pubblico ringraziamento al Dirigente Scolastico, Prof. Maurizio Calenzo, che ha creduto fortemente nel valore di questo progetto.
Un Libriamoci 2020,davvero speciale quello di quest’anno, in cui le voci degli alunni del Taddeo hanno vibrato come non mai. Un evento all’insegna del rosa, che ha visto protagoniste le donne , in primis la scrittrice Liliana d’Angelo, alla quale va un ringraziamento speciale per aver illuminato, con la sua preziosa presenza
rasserenatrice, il nostro Libriamoci 2020;un lodevole contributo alla realizzazione del progetto è stato dato dalla prof.ssa Francesca Bagni, intervenuta in chiusura dell’evento con una profonda riflessione sulla lettura: ”Leggere è come viaggiare..apri la mente a nuovi orizzonti,si conoscono nuove realtà,si viaggia nel tempo…senza limiti tra passato e
futuro”.
Un sentito grazie a tutti i docenti che hanno partecipato e vigilato, contribuendo alla buona riuscita dellʼevento.
Grazie a tutti gli alunni presenti, lettori e non, poichè il successo del Libriamoci risiede proprio nella loro massiccia presenza. La realizzazione dell’evento “Libriamoci 2020”, nel tempo della pandemia, segnato da fragilità ed incertezze, ha rappresentato davvero “un respiro per la mente” di alunni che vi hanno preso parte e di docenti, che hanno realizzato il “sogno” di trasmettere la passione autentica per la lettura, farsi
“contagiare” dalla sua bellezza. Perchè, come sostiene L.Sepulveda:”Solo sognando e restando fedeli ai sogni riusciremo ad essere migliori e, se noi saremo migliori, anche il mondo lo sarà”.
Sessa Aurunca 4 gennaio 2021

Prof.ssa Enrichetta De Sanctis