Riceviamo e pubblichiamo un pensiero estremamente profondo ed interessante di un giovane, impegnato socialmente, del territorio aurunco Matteo Verrengia che ha affrontato ed approfondito la problematica della movida di Baia Domizia, oggetto di critiche nei giorni scorsi. Matteo rigetta al mittente una generalizzazione della sua generazione, che presenta anche una parte di ragazzi e ragazze perbene, rispettose e aperti pronti a collaborare per isolare le frange più violente, maleducate e rozze.


“Innanzitutto ringrazio voi tutti, per il grandioso lavoro che state facendo per tutto il territorio comunale e non solo.
Vorrei portare la vostra attenzione per quanto riguarda la sicurezza di Baia Domizia, un argomento che è già sicuramente nei vostri piani e gode della vostra massima diligenza.
Sono un cittadino di una piccola frazione di Sessa A. molto giovane e sono abbastanza stufo di leggere sui vari social commenti denigratori nei confronti della nostra Baia Domizia.
Molte persone, famiglie, turisti in generale, hanno paura di venire nella nostra località balneare a trascorrere le loro vacanze per il comportamento poco consono di alcuni ragazzi.
La nostra Baia Domizia non merita questo. Baia Domizia come mi viene raccontata era la Rimini della Campania, venivano persone da tutte le parti e non c’era posto per chi assumeva comportamenti illeciti nei confronti delle persone e della località in cui si trovava.
Forse sarà vero che i tempi saranno cambiati e i giovani hanno perso quei principi/valori che c’erano un tempo, ma io non ci credo! perché come me, tanti altri ragazzi amano Baia Domizia, la rispettano e fanno di tutto per mantenerla pulita e sicura, rispettando le persone e il posto.
Sulla sicurezza di Baia c’è tanto da dire, forse molte persone hanno ragione che ci sono pochi controlli sotto i portici o nelle piazze varie, ma credo che invece di puntare il dito contro le forze dell’ordine sarebbe il caso di rimboccarci le maniche e dare del nostro per rendere sicura baia, mettendo tutto ciò che abbiamo a disposizione; forse sarà poco, ma almeno possiamo dire di averci provato. Sicuramente l’aiuto delle forze dell’ordine sarà efficace e indispensabile, ma anche la nostra presenza insieme alla loro potrà portare più sicurezza a baia. Le forze dell’ordine senza l’aiuto del popolo possono fare ben poco. Quindi invito voi tutti che commentate sui social ad agire in modo da rinnovare la nostra bella Baia Domizia. Buona giornata”

A cura di Matteo Verrengia