Riceviamo e pubblichiamo:

Buonasera..Innanzitutto vi vogliamo ringraziare per la vostra disponibilità nell’accogliere il nostro racconto per quello che è accaduto alla nostra azienda…Un racconto di dispiacere e dolore nel vero senso della parola..Il mio nome è Apostolato Mariana Aurora,responsabile dell organizzazione del personale,lavoro presso l azienda agricola “Bianchino” sita in Falciano del Massico,insieme al mio fidanzato Armando D’Itri lavoro in quest’azienda da circa 2 anni , ma arrivo al dunque..Il 27 Maggio di quest’anno il nostro datore di lavoro,per l appunto Gennaro Bianchino, venne arrestato con delle varie accuse, fra cui pure quella dello sfruttamento degli operai…Da premettere che ci sono delle indagini e che non entriamo nel merito,lasciamo che la giustizia faccia il suo corso;..il nostro grande dispiacere nasce nel leggere sui vari giornali(cartacei e online) accuse non veritiere ed infamanti (è stato scritto che ci sottopagava,ci sfruttava e che non avevamo un contratto di lavoro,tutte cose non assolutamente vere!! Già all’epoca volevamo fare una manifestazione in sua difesa,parlare con dei giornalisti per far sentire la nostra voce e smentire tutte queste calunnie nei confronti di Gennaro Bianchino ,però avevamo paura di peggiorare la situazione già per essa complicata..Abbiamo sofferto in silenzio fra di noi.Le persone che lavorano da anni in questa azienda sono:
MARIA DI MARCO
ANTONIETTA PALMESE
ANTONIETTA DI SARNO
CHIARA RUSSO
GLORIA MASTROIANNI
IOLANDA CARUSO
MARIANA EREKES
SIMONA ROMANESCU
VERRENGIA PASQUALE
VERRENGIA ANTONIO
MINIELLO ANTONIO
NERONE ANTONIO
GIOVANNI AULICINO
ALFREDO LA VECCHIA
GIUSEPPE DI PONIO
SVARICH LIDIA
SVARICH MICHAELE
SOHIL AZAM
MASSIMO IMMACOLATA
ELEONORA MICILLO
Con le lacrime agli occhi tutti dicono:lavoriamo da 15 anni(qualcuno anche 20)..e quindi un motivo ci sarà, abbiamo continuato a lavorare anche quando i conti erano tutti bloccati(siamo rimasti 3 mesi senza stipendio) perché conosciamo bene Gennaro Bianchino e sicuro non è la persona descritta sui giornali..Ci ha sempre rispettato come collaboratori (è cosi che ci definiva)e sempre trattato bene,il primo ad arrivare e l ultimo ad andare via, lavorava insieme a noi sempre in armonia,non ha mai ritardato i pagamenti e sempre disponile che qualcuno di noi aveva dei problemi economici e non..Antonietta Ferriero,responsabile della qualità, lavora in quest’ azienda da 20 anni,prima di lei ci ha lavorato la mamma per tanti anni, a testimonianza che era un ambiente familiare dove si lavorava tutti insieme come una squadra..Gennaro Bianchino ha dato lavoro a centinaia di famiglie ed è per questo che tutto quello che gli è successo ci ha addolorato tantissimo e ha pesato molto sulla mole di lavoro che inevitabilmente è andato a calare con la mancanza del nostro condottiero, (il fatto è accaduto poco prima dell estate dove il lavoro della frutta aumenta notevolmente) mancando lui molti fornitori sono venuti meno e alcuni clienti che purtroppo hanno preso le distanze,l azienda ha attraversato un brutto periodo, ma siamo rimasti tutti uniti e siamo andati avanti..Attendiamo tutti che il nostro “papà “ritorni per buttarci alle spalle quest incubo,preghiamo per lui affinché non si abbatta e trovi la forza per combattere queste infamie e bugie sul suo conto..Ripetiamo Gennaro Bianchino non è affatto la persona che alcuni giornali hanno descritto!! Chiudiamo ringraziando di nuovo per la vostra disponibilità con la speranza(ve ne saremmo veramente grati) che si possa pubblicare quest articolo che a noi sta molto a cuore.. Grazie e buona serata. In foto, nostro pullman che va messo a disposizione degli operai da casa a lavoro e viceversa. Nei alcuni articoli abbiamo letto che i dipendenti venivano ammassati nei furgoni”