Si è svolto questa mattina, presso l’ISISS “Taddeo da Sessa”, viale Trieste, un convegno nell’ambito del Progetto LEGALITÀ, i cui promotori sono stati i proff. Frezza Floriana, Di Pietro Amalia, Migliozzi Rosanna, Di Spirito Mara, Iorio Luigi. L’iniziativa si colloca all’interno di un percorso formativo che la scuola ha promosso per sensibilizzare le giovani generazioni a conoscere e commemorare Don Peppe Diana quale figura “simbolo” di lotta alla camorra, all’illegalità, al crimine organizzato ed al contempo celebrare e ricordare tutte le vittime innocenti della mafia. È intervenuto all’incontro, portando la sua preziosa testimonianza , il Capitano dei Carabinieri dott. Giuseppe Fedeli che ha illustrato agli allievi il meticoloso lavoro finalizzato all’arresto di numerosi affiliati ai clan organizzati che detengono il potere dello spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio Campano e l’ importanza di non sottovalutare le “blande illegalità giovanili”, dietro le quali si nasconde la mano della camorra. Presente il Sindaco e numerose autorità. Simmaco Perillo, presidente della cooperativa sociale “al di là dei sogni”, cooperativa nata nel 2004 grazie alla gestione di un bene confiscato alla camorra, il quale ha spiegato ai ragazzi che grazie alle attività della fattoria didattica, dell’agricoltura sociale e del turismo responsabile e sostenibile, i soggetti appartenenti a “fasce deboli” hanno avuto la possibilità di trovare la dignità di nuovi percorsi di vita. A conclusione dell’incontro il Dirigente Scolastico, prof.ssa Giuseppina Zannini ha ringraziato gli ospiti intervenuti, tra cui l’Associazione mutilati del Comune di Sessa Aurunca rappresentata dal sign. Marcello Di Stasio sottolineando l’impegno dell’ISISS “Taddeo da Sessa” nel portare avanti il discorso della lotta contro la mafia, anche attraverso l’utilizzo dei beni confiscati.
GA