Il “Taddeo da Sessa” è orgoglioso di aver raggiunto un inaspettato risultato grazie all’impegno di una straordinaria equipe di professionisti e, prima ancora, di persone.
Dopo circa un anno dall’iscrizione e dalla frequenza di un alunna diversamente abile che necessitava di particolari strumenti multimediali per affrontare e superare, in parte, le quotidiane difficoltà di comunicazione, l’intervento dei docenti, del personale ATA e del Dirigente Scolastico ha determinato l’acquisto di un comunicatore, essenziale per affrontare e superare le difficoltà legate alla didattica a distanza. Scavalcando la burocrazia di prassi, in tempi brevi, la consegna di questo piccolo grande strumento ha dato sostegno all’alunna e alla famiglia, consentendo loro di evitare una spesa considerevole.
Il periodo trascorso ci ha insegnato come basti un invisibile virus per distruggere anche l’individuo più capace, più geniale, più ricco, più potente … cosa rimane dunque? Capire che ognuno di noi è un perno di un sistema infinito, libero di agire, di scegliere se percorrere sentieri di arido egoismo oppure ascoltare la voce di una umanità che vive in una condizione diversa ma, non per questo infelice, piuttosto da sostenere nelle difficoltà.
Da sempre il “TADDEO DA SESSA” ha deciso di supportare gli alunni SPECIALI, nell’ottica di una didattica inclusiva. Ecco la grande gioia quando il Dirigente Scolastico, prof. Maurizio Calenzo, coadiuvato dal lavoro amministrativo della segretaria Annamaria Pellegrino, e incessantemente sostenuto dalla referente del gruppo B.E.S., prof.ssa Floriana Frezza, nonché dalle docenti di sostegno, le prof.sse Rosetta Surdo ed Elisabetta D’Alessandro, è riuscito a consegnare all’alunna diversamente abile un Comunicatore di nuova generazione. Il lavoro delle equipe ha consentito in tempi straordinariamente brevi, quando ancora si parlava di una possibile conversione della didattica a distanza, di consegnare numerosi notebooks ad altrettanti alunni che ne erano sprovvisti per diverse ragioni.
Quando si lavora per il prossimo gli ostacoli si superano e il traguardo raggiunto rende tutti felici. Un plauso a tutti i docenti, in particolare ai docenti di sostegno che lavorano con gli alunni SPECIALI.